sistema-interscambio-sdi

Sistema di interscambio per i privati: cos’è e come funziona

Con la fatturazione elettronica, obbligatoria dal 1 gennaio 2019 anche per i privati, è nato anche il sistema di interscambio (SDI) per la gestione delle fatture emesse. Vediamo cos’è e come funziona.

L’SDI è la piattaforma messa a punto dall’agenzia delle entrate – in collaborazione con Sogei – per il funzionamento dei nuovi adempimenti legati alla fatturazione elettronica, sistema utilizzato dalla pubblica amministrazione già dal 2015, anno dell’entrata in vigore della fattura digitale per la PA.

Il sistema di interscambio, dopo una prima fase di rodaggio fisiologica, permette oggi anche ai privati professionisti la creazione, conservazione e trasmissione gratuita delle fatture che vengono emesse, garantendo quindi:

  • digitalizzazione fatture emesse e ricevute per tutto il tempo necessario ai fini di legge;
  • semplificazione delle procedure amministrative;
  • riduzione delle pratiche da svolgere con il proprio commercialista;
  • maggiore possibilità, da parte dell’agenzia delle entrate, di svolgere rapidi controlli.

SDI: come funziona e come accreditarsi al sistema di interscambio 

Se non hai mai usato il Sistema di Interscambio per la fatturazione elettronica, e vuoi iniziare ad utilizzarlo, sappi che dovrai seguire alcune procedure di accreditamento

Per accedere al sistema, infatti, è necessario essere in possesso di una di queste tre credenziali:

  • Pin agenzia delle entrate Fisconline 
  • Carta Nazionale dei servizi
  • SPID, pin dell’identità digitale 

Successivamente ti saranno comunicate delle credenziali personali, compreso un codice univoco detto “codice di interscambio”, indispensabile per operare con le fatture elettroniche.

Il codice di interscambio, in sostanza, identifica la tua azienda/attività all’interno del sistema SDI ed è quindi importantissimo: ogni cliente con cui entrerai in contatto per una fatturazione elettronica, infatti, sarà ugualmente fornito di un codice univoco personale.

Ottenuto il codice, come procedere? A questo punto, nella redazione della fattura elettronica sul sistema di interscambio, potrai:

  • accedere al servizio e scegliere l’utenza di lavoro;
  • scegliere se fatturare verso la PA, fare una fattura ordinaria o semplificata;
  • indicare i dati del fornitore;
  • inserire i dati del cliente;
  • indicare i beni/servizi forniti;
  • indicare i dati del riepilogo e le azioni sulla fattura;
  • scaricare la fattura elaborata in formato pdf o XML.

Se la fattura emessa contiene tutti i dati obbligatori per legge, e supera dunque il controllo dell’SDI, entro 5 giorni verrà recapitata. Il mittente della e-fattura, ad avvenuta ricezione, riceverà una conferma di consegna. 

Chi appartiene al regime forfettario e al regime dei minimi, è bene ricordarlo, non ha l’obbligo della fatturazione elettronica. 

Quanto costa l’utilizzo del sistema di interscambio?

Una delle domande che vengono spesso poste riguarda il costo della fatturazione elettronica. La risposta è semplice, e dipende dalla piattaforma scelta per generare le fatture.

Alcune piattaforme infatti sono gratuite, altre a pagamento. 

Se sceglierai di utilizzare il sistema di interscambio (SDI), e cioè la piattaforma offerta dall’Agenzia delle entrate, non dovrai pagare nulla. Così come è gratis anche la piattaforma Infocamere proposta, per le PMI con massimo 250 dipendenti, dalla Camera di Commercio.

Per quanto riguarda le piattaforme a pagamento, ce ne sono diverse: Aruba su tutte, ma anche quella di Poste Italiane, quella Infocert e altre. Una delle possibilità, inoltre, è quella di scegliere la piattaforma usata dal tuo commercialista.

Waynext, un supporto per la fatturazione elettronica

Un supporto per la fatturazione elettronica lo offre anche Waynext, con alle spalle 25 anni di gestione documentale per le aziende.

Nello specifico Waynext, sia per i privati che per la pubblica amministrazione, offre un servizio completo di gestione della fatturazione elettronica. Grazie ad un servizio personalizzabile, messo a punto nei minimi dettagli, i documenti vengono gestiti e conservati secondo gli standard previsti.